La Calvi alla prima di Coppa Italia, passa contro l’Unio Pro 1928

UNION PRO 1928                                             1

CALVI NOALE                                                 3

UNION PRO 1928: Sforzin, Rasa, Danieli, Gullotta (20’s.t. Pasqualato), Caramel, Tagliapietra, Calza, Barzaghi (10’s.t. Martinuzzi), Zambon (35’s.t. Mattiello L.), Minio, Ferrarese (1’s.t. Gattolin). A disposizione: Cestaro, Scarpa, Mattiello T., Salviato. Allenatore: Vecchiato

CALVI NOALE: Fabbian, Vianello P., Gasparini, Zane, Bortoluzzi, Leonarduzzi, Coppola (26’s.t. Pizzinato), Coin, Peron (38’s.t. Scanferlato), Dell’Andrea A (10’s.t. Berardi). De Vido (34’s.t. Chia). A disposizione: Fornea, Dell’Andrea M., Gomiero, Vian, Cosmo. Allenatore: Vianello M.

Arbitro: Dallagà di Rovigo, assistenti Sadikaj di Mestre, Covolan di Conegliano.

Reti: P.t.: 32’ De Vido. S.t.; 5’ Dell’Andrea (rig), 18’ Zambon, 31’ De Vido

NOTE: Angoli: 3-6. Ammoniti: Caramel, Gullotta, Vianello P., Martinuzzi. Recupero: 2’ – 4’

Una bella Calvi, che con merito passa a Preganziol e conquista i primi tre punti stagionali.

Un primo tempo condotto con autorità, chiuso però con la sola rete di De Vido e tante occasioni sprecate.

Poi nel secondo tempo il raddoppio su rigore di Alberto Dell’Andrea che sembra chiudere l’incontro. Una sola disattenzione però rimette momentaneamente in partita i padroni di casa, ma dopo la rete di Zambon al 18′ l’undici di Vianello si rimette di nuovo a correre ed è il man of the match De Vido ad archiviare la pratica con un bello scambio con Zane e mettendo la palla lì dove Sforzin non può arrivare.

E adesso testa a domenica prossima quando in via Dei Tigli arriva il Real Martellago, nell’unico derby con i cugini gialloblu che quest’anno non condividono il girone con la Calvi.

Real che vorrà sicuramente recuperare dalla sconfitta contro la Robeganese e che, come successo nel mini torneo di maggio, darà il tutto per tutto sul nostro terreno di gioco

#forzacalvieccellenza2022

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *